Introduzione

 

I Sotterranei dei Gesuiti sono gli ambienti che si trovano sotto la Chiesa di Santa Maria Maggiore costruita nel XVII secolo a Trieste. La chiesa di impianto barocco, che si eleva in pieno centro storico accanto al celebre Collegio gesuitico (divenuto successivamente carcere criminale austriaco e carcere femminile italiano) e i sotterranei ad essi legati, hanno attirato da sempre l'attenzione di studiosi d'arte e appassionati del mistero. Autori del XIX e XX secolo come Pietro Kandler, Ettore Generini, Antonio Tribel, Giovanni Machorsich e non da ultimo il grande collezionista Diego de Henriquez, si sono occupati di ripercorrerli e descriverli, ma solo con le ricerche di speleologia urbana svolte dalla Società Adriatica di Speleologia a partire dal 1983 si è potuto avere un quadro più chiaro della situazione.
Oggi, per la prima volta, questi affascinanti ambienti sono visitabili in tutta sicurezza grazie all'interessamento della Parrocchia di Santa Maria Maggiore che, assieme ai volontari della Sezione di Speleologia Urbana della SAS,  li ha aperti al pubblico.

Back