La Vergine del Sassoferrato

 

Storia

 
 
Nel 1841 il conte Domenico Rossetti donò alla chiesa di Santa Maria Maggiore questo dipinto in ringraziamento per la guarigione di una grave malattia.
Esso presenta una giovane donna con "il capo coperto con un leggero pannolino, che le nasconde mezza fronte e fa da cornice al dolcissimo viso, la testa è leggermente reclinata sulla destra, gli occhi socchiusi rivolti a terra, le mani incrociate sul petto".
L'immagine viene esposta nella cappella a destra dell'altar maggiore. La ricca cornice dorata è del 1845 ed è stata donata dai fedeli.
La corona regale, simbolo della grandezza con cui Maria si rivelò verso i suoi figli triestini, venne donata dalla Confraternita nel 1927, ma fu oggetto di un furto da parte di ignoti nel 1983. Appena un anno dopo, per volontà del vescovo mons. Lorenzo Bellomi, quale gesto riparatore per l'atto sacrilego che colpiva profondamente la devozione dei triestini per questa Madonna, la tela venne nuovamente munita della sua corona regale.
 

 

  pagina avanti
  torna indietro